seppe


Dal verbo sapere: (coniugare)
seppe è:
3° persona singolare dell'indicativo passato remoto

WordReference.com - Dizionario della Lingua Italiana © 2012 Le Monnier:
sapere1 ‹sa·pé·re› s.m.
    ~ Il complesso delle conoscenze acquisite dall’umanità, spec. in quanto disponibili all’individuo intellettualmente dotato:
    i vari rami del s.

sapere2 ‹sa·pé·re› v.tr. e intr. (ind. pres. so, sài, sa, sappiàmo, sapéte, sànno; pass. rem. sèppi, sapésti, ecc.; fut. saprò, ecc.; cong. pres. sàppia, ecc.; cond. saprèi, ecc.; imp. sàppi, sappiàte; gerundio sapèndo; le altre forme sono regolari; come intr., aus. avere)
  1. tr.
    1. Avere a disposizione determinate cognizioni o nozioni, acquisite attraverso lo studio, l’apprendimento o la memorizzazione:
      s. l’inglese
      l’attore non sa ancora bene la sua parte
      so tutto di fisica Disporre di determinate capacità acquisite con l’esperienza:
      s. il proprio mestiere S. a memoria, conoscere qcs. parola per parola Saperla lunga, essere molto furbo e astuto; anche, essere esperto di qcs. Saperne una più del diavolo, essere molto astuto S. il fatto proprio, essere in grado di badare a sé stessi; essere molto bravo ed esperto in una data attività.
    2. Avere a disposizione come informazione; essere a conoscenza di qcs.:
      sai l’anno di nascita di Dante?
      sai che ora è? Venire a conoscenza di un fatto, di un’informazione, ecc.:
      ho saputo da tua madre che vuoi lasciare l’università Che io sappia, per quanto ne so, con valore restrittivo, per sottolineare che l’informazione potrebbe essere inesatta Dio sa, il cielo sa, per sottolineare la veridicità di un fatto:
      Dio sa cosa non darei per vederti felice Dio solo sa, per esprimere la natura ignota e oscura di un fatto Far s., mettere qcn. al corrente di una data informazione:
      fammi s. che fai stasera Non si sa mai, per esprimere l’incertezza in una scelta; anche, come formula per invitare alla precauzione:
      vai piano, non si sa mai Non volerne s., non voler avere più a che fare con qcs. o qcn.; anche, rifiutarsi di compiere una data azione o attività Se sapessi (o se sapeste), per introdurre enfaticamente una notizia straordinaria o anche grave e dolorosa:
      se sapeste quello che è successo! Si sa, tutti sanno, come sapete, sapete bene, sapete meglio di me, per introdurre un’informazione nota a tutti:
      “Il piacere”, si sa, è un romanzo di D’Annunzio Un (certo) non so che, un qualcosa di indefinibile:
      nel suo sguardo c’è un non so che di nostalgico.
    3. Ritenere o venire a conoscenza che una persona si trovi in un dato luogo o in una data condizione:
      ti sapevo all’estero
      sono felice di saperti sposata.
    4. Essere consapevole di qcs.:
      so di essermi comportato male Conoscere i mezzi e i modi per raggiungere un dato scopo:
      saprà lui come tirarsi fuori dai guai In frase negativa, riuscire a capire qcs. che si considera strano, incredibile:
      non so come possa essere diventata un’attrice Essere certo che qcs. si verificherà:
      sapevo che alla fine avrei dovuto pagare io Non s. che pesci pigliare, non trovare appigli o soluzioni possibili a un problema Non s. che (cosa) farci, per sottolineare l’inutilità delle proprie azioni di fronte a un fatto compiuto.
    5. Come verbo servile, essere in grado di fare qcs. come frutto dell’esperienza, della pratica, ecc.:
      s. leggere e scrivere
      s. giocare a poker, a scacchi Essere capace di tenere un dato atteggiamento:
      nel bere lui non sa proprio controllarsi Essere in grado di provare determinati sentimenti, emozioni, sensazioni:
      è una persona che non sa amare In frase negativa indicante stupore o incredulità, riuscire a, potere:
      non mi so capacitare di quanto è successo Non s. perdere, non avere la sportività di accettare una sconfitta.
  2. intr.
    1. Avere una qualche competenza su un dato argomento:
      s. di greco.
    2. Avere un dato sapore o odore:
      questo vino sa di tappo
      la torta non sa di niente, è poco saporita.
    3. fig. Di qcs., dare l’impressione di celare qualcos’altro, averne l’aspetto:
      la sua richiesta sa di ricatto.
    4. fig. Avere una certa impressione oppure un certo timore o dubbio; credere, pensare:
      “Sarà tornato dalle vacanze?” “Mi sa di sì”
      mi sa che ho sbagliato a parlargliene.
    5. sapersi v.rifl. ~ Essere consapevole di avere determinate caratteristiche, qualità, ecc.:
      per lei è importante s. bella.

'seppe' also found in these entries:

Discussioni del forum nel cui titolo è presente la parola 'seppe':

Download free Android and iPhone apps

Android AppiPhone App
Segnala una pubblicità inappropriata.